16 dicembre, 2017
Tags Posts tagged with "giardino"

giardino

Roma, 3 maggio 2017  –  Oggi pomeriggio, a Palazzo Massimo alle Terme, si è svolto l’incontro pubblico per la presentazione del Progetto per la realizzazione di un Giardino pubblico a Via Giulia.

Un progetto, condiviso con i cittadini attraverso un percorso di partecipazione che si e’ concluso nell’ottobre 2014 ed eleaborato da un team di architetti internazionali, gli studi Diener & Diener Architekten, Garofalo-Miura Architetti e Vogt Landscheftsarcitekten, e’ stata illustrato nella sala conferenze di Palazzo Massimo dalla Presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi, dall’Assessore ai Rapporti con le Soprintendenze, Tatiana Campioni, dal Soprintendente di Roma, Francesco Prosperetti e dai progettisti Diener, Miura e Vogt.

Con questo progetto, ha spiegato la minisindaca, “chiudiamo due ferite, l’abbattimento dei palazzi e la copertura del parcheggio, un servizio importante per i cittadini ma che non puo’ rimanere un cantiere. Inoltre siamo in debito morale con il liceo Virgilio a cui dobbiamo restituire un’area da riconsegnare riqualificata con un progetto esistente e anche questo e’ fermo: mi auguro che al piu’ presto si possa prendere una decisione. Vorremmo che questo meraviglioso plastico che vediamo oggi diventi realta’”. Infine, ha concluso Alfonsi, “faccio una richiesta alla sindaca perche’ il giardino venga intitolato a Francesco Garofalo, e’ l’ultimo regalo che ha lasciato alla citta’ e speriamo che venga realizzato al piu’ presto e intitolato a lui”. “Avremmo voluto presentare questo progetto insieme ai tempi e modi di realizzazione, ma da maggio 2016 quando c’e’ stata l’approvazione in conferenza di servizi tutto e’ rimasto fermo”, ha commentato l’assessore Campioni. “Noi abbiamo comunque ritenuto giusto far conoscere ai romani questo progetto, e la straordinaria opportunita’ che si sta perdendo, realizzata da professionisti di altissimo livello”.

I DETTAGLI DEL PROGETTO – L’obiettivo del progetto e’ quello di arricchire via Giulia come il giardino di piazza Farnese. Il giardino in stile barocco si sovrappone e unisce alla struttura del parcheggio, seguendo una geometria tecnica ottimizzata per il flusso del traffico. Il giardino e’ aperto verso via Giulia e offrira’ una vista panoramica oltre il Tevere e verso il Gianicolo, con sullo sfondo l’Orto botanico. L’ingresso su via Giulia riprende l’asse che divideva i due palazzi storici e mantiene una forte continuita’ con piazza della Moletta, mentre una lunga seduta in travertino rivolta verso la piazza accompagna il muro e una piccola finestra lascia intravedere il giardino. L’atmosfera e’ stata pensata per offrire l’idea di un giardino ‘antico’ immerso in sensazioni di silenzio e tranquillita’, con vecchi alberi, vigne e vasche di acqua piene di piante, i muri ricoperti di verde. Lo spazio verde si articola in tre parti: l’atrio, caratterizzato da una grande vasca d’acqua; il frutteto, con agrumi, olivi, fichi e gelsi; il giardino segreto, dove una mescolanza selvatica di alberi, rampicanti e siepi circonda le antiche rovine. All’ingresso solidi cancelli artigianali portano a una serie di percorsi verso i terrazzamenti, la fontana a muro, lo specchio d’acqua o il caffe’. Il tutto circondato e irrobustito da faggi, platani e corbezzoli visibili anche dall’esterno.

Con questo progetto abbiamo l'opportunità di riqualificare quello che, dopo gli sventramenti di epoca fascista e nove anni di cantiere, era diventato un "non luogo" in una delle zone di maggior pregio della città. Noi abbiamo fatto il possibile, ora tocca al Campidoglio muoversi.

Posted by Sabrina Alfonsi on Wednesday, 3 May 2017

Una bella assemblea partecipata per la presentazione del progetto del giardino di Via Giulia. Restituiamo a Roma la sua bellezza #primomunicipio #solocosebelle #noiandiamoavanti

Posted by Sabrina Alfonsi on Wednesday, 3 May 2017

Roma, 11 aprile 2017  –  Sopralluogo stamattina del minisindaco del Municipio I, Sabrina Alfonsi, e della Commissione Lavori pubblici del Municipio I al Giardino intitolato a “Domenico Pertica” a Testaccio in vista della sua riapertura dopo il restyling completo eseguito nell’ambito della realizzazione del sottostante Pup di via Alessandro Volta. I lavori del Pup, iniziati nel 2011, erano stati sospesi per una variante del progetto originale con riduzione del numero dei posti auto richiesta dal Comune di Roma. La variante al progetto, presentata nel 2012, è stata approvata soltanto nel 2015, dopo oltre tre anni di fermo del cantiere.


Finalmente siamo in procinto di restituire ai cittadini questo piccolo parco di Testaccio“, afferma la presidente Alfonsi. “Si conclude così un iter lunghissimo per la realizzazione di questo parcheggio, una ferita aperta sul territorio per 7 anni, che già durante la campagna elettorale del 2013 ci eravamo impegnati a risolvere. Dopo un percorso di partecipazione promosso dal Municipio nel 2015, che ha visto coinvolti i cittadini del Rione nella redazione delle linee guida per la progettazione dell’intervento di sistemazione dell’area di superficie, oggi abbiamo una piccola piazza e uno spazio verde con attrezzature e giochi per i bambini vicino al grande mercato rionale, che completa la riqualificazione di questa parte del Rione. Anche se le formalità amministrative prevedono che l’area venga riconsegnata al Dipartimento Ambiente – continua la presidente -, abbiamo deciso che sarà il Primo Municipio a farsi carico della manutenzione e gestione del giardino, perché non vogliamo che, viste le difficoltà attuali del Servizio Giardini, l’area venga lasciata in stato di abbandono”.


“Per l’apertura e la chiusura dei cancelli – aggiunge Anna Vincenzoni, assessore municipale all’Ambiente – abbiamo già un accordo con l’associazione degli Esercenti del Mercato, che provvederà attraverso i suoi iscritti. Per quanto riguarda la manutenzione, la Convenzione stipulata a suo tempo dal Comune con la Società Cogeim prevede che quest’ultima versi una somma di 3.400 euro l’anno per 25 anni per la manutenzione dell’area. Fondi certamente insufficienti, che dovremo necessariamente integrare con le risorse a disposizione per le aree verdi recentemente trasferite al Municipio. Per garantire iniziative che favoriscano un utilizzo pieno del giardino e il suo mantenimento, abbiamo intenzione anche di sviluppare progetti di gestione condivisa con le associazioni del territorio”.

Appuntamento giovedì con il Dipartimento Ambiente, il Dipartimento Mobilità e la Società Concessionaria per la riconsegna dell’area e il contestuale passaggio al Municipio per la manutenzione e gestione. E poi, finalmente, ai cittadini di Testaccio

Roma, 6 aprile 2017  –  Questo pomeriggio all’Acquario Romano in Piazza Manfredo Fanti al convegno “Oltre il giardino” per la presentazione del piano di gestione del giardino di Piazza Vittorio, elaborato insieme al comitato di Piazza Vittorio Partecipata, per la cura e la manutenzione di questo spazio.
Il piano rappresenta un vero salto di qualità per la città dal punto di vista della partecipazione dei cittadini, che non si fa con dei click su internet ma attraverso l’impegno e il confronto. Grazie a tutti coloro che hanno collaborato alla sua realizzazione. Come amministratori siamo di fronte alla sfida per riuscire ad applicarlo, trovando le risorse in bilancio e affidando ad un solo ente, che sia il Comune o il municipio non importa, che si occupi della gestione di questo luogo così importante per il Rione.

 

Roma, 1 febbraio 2017  –  Il Pimo Municipio, in accordo con la Soprintendenza Speciale per il Colosseo e l’area archeologica di Roma, ha promosso un percorso di partecipazione pubblica che avrà per oggetto l’informazione sui risultati delle indagini archeologiche condotte durante l’intervento di ristrutturazione dell’ex Palazzo delle Casse di Risparmio Postali, la condivisione delle proposte per la ricollocazione in Piazza Dante di uno dei più importanti e meglio conservati ambienti decorati che sono stati rinvenuti durante le indagini archeologiche, la raccolta e l’esame delle proposte della cittadinanza in merito ad eventuali altre destinazioni d’uso degli spazi, oltre a quella di fruizione dei ritrovamenti archeologici ricollocati, da prendere in considerazione nella progettazione dello Piazza.
Primo incontro: 1 febbraio ore 16.30 -18.30 presso la Sala Conferenze di Palazzo Massimo – Largo di Villa Peretti 1.

 

corriere della sera 28 gennaio 2017

video intervento Sabrina Alfonsi

 

Roma, 30 gennaio 2017  –  C’è un pezzo di città sigillata dentro un cantiere da troppi anni. Un pezzo di città che i romani aspettano con ansia venga restituito alla Capitale: è la cosiddetta ‘Quinta di via Giulia’, il grande spazio vuoto causato dalle demolizioni degli anni ’30, tra ponte Mazzini, il lungotevere e la storica strada del centro romano voluta da papa Giulio II nel Cinquecento.

In questa affascinante area di 4.000 metri quadrati potrebbe nascere uno dei giardini urbani più belli d’Europa, sopra un parcheggio interrato che è stato già realizzato ed inaugurato, ma il progetto, già finanziato, è fermo a causa di un ultimo passaggio burocratico.

 

 

VIDEO AGENZIA DIRE 30 GENNAIO 2017

Roma, 20 gennaio 2017  –  “Virginia Raggi nella sua intervista a La 7 ha parlato di opere lasciate incompiute dalle precedenti amministrazioni. Voglio ricordare alla Sindaca che anche oggi ci sono a Roma opere ferme, che non si riescono a chiudere a causa dell’inerzia dell’Amministrazione Centrale”.

“Una di queste opere è il completamento dell’intervento del PUP di Via Giulia. Un intervento – va ricordato – che per 10 anni ha rappresentato una ferita aperta sul territorio, anche a causa di importanti ritrovamenti archeologici che hanno allungato i tempi, e che si è finalmente concluso per quanto riguarda la realizzazione del parcheggio interrato, che è già aperto.

Ora deve essere realizzata l’opera pubblica tanto attesa dalla cittadinanza, il giardino Barocco progettato dagli Studi Associati Diener&Diener Architekten, Vogt Landschaftsarchitekten   e Garofalo – Miura.

Il progetto, sul quale il Municipio ha voluto e promosso un percorso di partecipazione con i cittadini, è stato approvato da mesi in conferenza dei servizi. Manca solo l’approvazione definitiva dalla Giunta Capitolina per poter avviare il cantiere. Più volte abbiamo sollecitato l’Assessore Meleo e la stessa Sindaca perchè se ne occupino, ma non riusciamo ad avere risposte, nemmeno di cortesia. Si tratta di un intervento urgentissimo, che non può più essere rimandato e che può restituire il giusto valore ad un luogo di grande importanza storica e architettonica della nostra città”.

RomaToday, 21 genn – Il giardino barocco è un miraggio

 

Nell’ambito delle cerimonie previste per il Natale di Roma, inaugurato oggi anche il restauro del giardino storico di Piazza Cairoli, alla Presenza del Sub Commissario con delega all’Ambiente Gen. Camillo De Milato, del Sovrintendente Capitolino Claudio Parisi Presicce e della Presidente del Primo Municipio Sabrina Alfonsi.

Il giardino è stato restaurato con una spesa di circa 40.000 euro, grazie ad un appalto per la riqualificazione del verde nel Centro Storico che comprende anche interventi su Colle Oppio, Circo Massimo, Colosseo e Campidoglio, per un totale complessivo di circa 700.000 euro.

Sostituite le alberature abbattute perchè malate con palme, secondo il progetto originario del giardino, rifatte le aiuole, restaurata la fontana e sostituiti gli elementi di arredo e la recinzione esterna.

cairoli5  cairoli4  cairoli3  cairoli1

 

Segui Sabrina sui Social

731FansLike
89Subscribers+1
377FollowersFollow
1,077FollowersFollow
6SubscribersSubscribe