Ambiente

Le fragole di Nemi, i kiwi di latina, l’uva di Tivoli, e tanti altri prodotti di qualità arrivati dai campi di tutto il Lazio, il tutto nella splendida cornice di uno dei mercati simbolo di Roma e forse del mondo, quello di Campo de’ Fiori.

Così le istituzioni del Lazio e di Roma hanno voluto celebrare la Festa Internazionale della frutta e della verdura, con la presenza del Governatore Nicola  Zingaretti, l’Assessore Regionale all’Agricoltura Sonia Ricci, l’Amministratore unico di ARSIAL Antonio Rosati, l’Assessore capitolino alle Attività Produttive Marta Leonori e la Presidente del Municipio Roma I Centro Sabrina Alfonsi.

E’ stata l’occasione per rilanciare alcuni concetti molto importanti. Innanzitutto il fatto che la promozione della produzione agricola di qualità vuol dire attenzione alla qualità della vita, puntare su una strategia di sviluppo del territorio che ha alla base l’idea di benessere, qualità della vita e di tornare ad una produzione ortofrutticola che è sempre stata una delle  risorse più importanti dell’economia locale.

I giardini di piazza Cairoli ritrovano cura e decoro grazie ai detenuti. È il progetto firmato dal Municipio I di Roma e dal dipartimento Politiche Sociali, che prevede che soggetti detenuti con pene minori o con procedimenti in corso possano convertire la pena in lavori socialmente utili. Un accordo che prende le mosse da una vecchia convenzione tra dipartimento e tribunale, che il Municipio I ha deciso di declinare sulla cura del verde. Il progetto è partito da dieci giorni, e prevede quattro persone impegnate su piazza Cairoli su turni sette giorni su sette in attività di manutenzione ordinaria, come innaffiamento, falciamento, pulizia. Il tribunale si è impegnato a garantire continuità di lavoratori per due anni e il proposito è di allargare il progetto ad altre aree del municipio, in particolare Trastevere. In questi giorni è partito un esperimento simile di Sabella a Ostia. Il nostro progetto è diverso: non si tratta di lavoro dei detenuti ma riconversione della pena. Quindi c’è una doppia valenza: lavoro invece del carcere e ritorno di un risultato concreto sul campo per la collettività. Questa possibilità il Municipio ha deciso di spenderla sulla cura dei giardini perché è un’emergenza della città.

Anche dopo che questa sarà conclusa vogliamo mantenere questi lavoratori, che oggi suppliscono a una mancanza, poi saranno i guardiani dei nostri parchi. Non si vogliono, insomma, superare le municipalizzate, ma creare un modello di rete per raggiungere un risultato comune. Il progetto è piaciuto ad associazioni e comitati del primo municipio, che da anni portano avanti le istanze di valorizzazione della piazza. È un segnale positivo che deve avere attenzione anche dal Campidoglio. Solo così, lavorando insieme, si può avere una risposta positiva. Questo è un giardino prezioso e storico, va valorizzato e recuperato dall’incuria in un’area centrale così importante.

IMG_6760

Domenica 28 giugno bella iniziativa del gruppo Retake Prati con il supporto dell’Assessorato Municipale all’Ambiente e di un gruppo di Consiglieri Municipali, finalizzata a ripristinare il decoro in Via Frà Albenzio e Piazza S. MAria delle Grazie.

L’intervento è come sempre assistito dalla Squadra Decoro di AMA e dal nucleo dei PICS Polizia Locale, ai quali va tutto il nostro ringraziamento.

Nell’incontro pubblico che si è svolto venerdì 26 giugno a Palazzo S. Chiara, al quale hanno partecipato gli Assessori all’Ambiente di Roma Capitale, Estella Marino, e del Municipio I Centro, Anna Vincenzoni, oltre ai vertici di AMA, è stato presentato ai cittadini il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti urbani che a partire dal 1° luglio prenderà il via nell’area monumentale del Centro Storico.

Caratteristica principale del piano è il conferimento delle cinque frazioni di rifiuto domestico – secondo uno specifico calendario – nei tre contenitori che saranno posizionati negli androni dei palazzi. Sono inolltre previste un certo numero di piazzole vigilate da operatori, su due fasce orarie, presso le quali sarà possibile le diverse frazioni di rifiuti anche extra calendario.

Per maggiori dettagli, consulta la pagina web del Municipio I Centro

Il 15 giugno prossimo partirà il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti per il Rione Trastevere.

Da un attento esame – condotto insieme ad A.M.A. – delle criticità evidenziate dall’attuale sistema di raccolta dei rifiuti urbani nel Rione e da un accurato censimento delle utenze commerciali e non, è scaturito il nuovo progetto di riorganizzazione della raccolta che speriamo costituisca una risposta adeguata alle specifiche esigenze di Trastevere.

Il nuovo sistema ha tra i suoi obiettivi principali

1)            Il divieto di abbandonare i rifiuti su suolo pubblico, mediante l’emissione di una specifica ordinanza

2)            L’estensione della raccolta delle frazioni organica, multimateriale leggero, carta/cartone e vetro anche a tutte le utenze non domestiche

3)            La raccolta del vetro anche per le utenze domestiche (campane in area strada, porta a porta dove previsto)

4)            La possibilità di conferire i rifiuti extra calendario presso punti di raccolta fissi presidiati (mattina/sera) in area porta a porta.

5)            Calendario raccolta porta a porta domestico uniformato allo standard del Comune.

Abbiamo previsto con AMA di tenere un incontro pubblico il prossimo venerdì 29 maggio alle ore 16.30 presso la Casa delle Culture – Via di S. Crisogono, 45 – , per presentare ai cittadini le linee strategiche di intervento sul rione e – in modo dettagliato – tutte le novità sulla raccolta.

Parte il 15 giugno prossimo il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti per il Rione Trastevere.
Per presentare ai cittadini le linee strategiche di intervento sul rione e -in modo dettagliato – tutte le novità sul sistema di raccolta che andrà in vigore dal prossimo mese, si è svolto venerdì 29 maggio presso la Casa delle Culture in Via di S. Crisogono, 45All’incontro hanno partecipano la Presidente del Municipio Sabrina Alfonsi, l’Assessore Municipale all’Ambiente Anna Vincenzoni, il Direttore Generale di A.M.A. Alessandro Filippi, il Direttore della Divisione Industriale di A.M.A. Pietro Zotti.

I punti principali del piano sono il divieto di lasciare i rifiuti in terra, sancito tramite un’apposita ordinanza che il Municipio ha richiesto al Sindaco, il conferimento delle cinque frazioni nei tre contenitori che saranno posizionati negli androni dei palazzi nella zona coperta dal porta a porta, secondo uno specifico calendario di conferimento. Inoltre sono previste ogni 200/300 metri al massimo delle piazzole vigilate da un operatore, su due diverse fasce orarie, dove sarà possibile conferire le diverse frazioni di rifiuti anche extra calendario.

“Ringrazio Estella Marino per aver dato ad AMA l’input ad affrontare insieme al municipio questo grande lavoro di riorganizzazione. La messa a punto del nuovo sistema è il frutto di un meticoloso confronto con i residenti e con l’Azienda” dichiara la presidente Alfonsi.“Ci sono voluti alcuni mesi, anche perché abbiamo richiesto all’Azienda un censimento delle utenze commerciali e non, essenziale per l’elaborazione di una risposta adeguata alle specifiche esigenze del quartiere. L’obiettivo condiviso con l’Azienda è quello di aiutare, anche tramite un’informazione capillare, sia i cittadini che i commercianti a conferire correttamente i rifiuti. Ovviamente sperimenteremo il sistema per qualche mese, e apriremo un indirizzo mail dedicato dove i cittadini potranno segnalare le cose che funzionano e quelle che non vanno, per consentirci di valutare le modifiche che si rendessero necessarie. Ad ottobre pensiamo ad un nuovo appuntamento con i cittadini per fare il punto della situazione. Mi preme sottolineare questo aspetto: la battaglia del decoro si vince solo con il massimo impegno da parte di tutti, municipio, azienda e cittadini.”

Da questo lavoro è scaturito il progetto di riorganizzazione della raccolta, che tra i suoi obiettivi principali prevede
il divieto di abbandonare i rifiuti su suolo pubblico, mediante l’emissione di una specifica ordinanza; l’estensione della raccolta delle frazioni organica, multimateriale leggero, carta/cartone e vetro anche a tutte le utenze non domestiche; la raccolta del vetro anche per le utenze domestiche (campane in area strada, porta a porta dove previsto); la possibilità di conferire i rifiuti extra calendario presso punti di raccolta fissi presidiati da un operatore (mattina/sera) in area porta a orari prestabiliti.

Per le utenze domestiche è prevista la modalità di raccolta porta a porta (PAP) oppure stradale a seconda delle aree. La modalità PAP prevede la raccolta dei rifiuti all’interno dei portoni, dove saranno collocati i contenitori. Un contenitore sarà dedicato alla raccolta della frazione organica (ritirata tre volte a settimana) uno alla raccolta del vetro (ritirato una volta a settimana), uno alla raccolta della frazione secca(ritirata due volte a settimana). Le utenze che non dispongono di spazi comuni ove collocare i contenitori avranno a disposizione punti di raccolta a piazzola dove poter conferire tutti i giorni feriali ogni tipologia di rifiuto durante una fascia oraria mattutina e serale. Un operatore AMA sarà in servizio per ogni piazzola per svolgere attività di presidio e informazione all’utenza.

La modalità di raccolta stradale, come di consueto, prevede la possibilità di conferire all’interno dei cassonetti le diverse frazioni, compreso il vetro nelle apposite campane.

Le utenze non domestiche sono state suddivise in commerciali e attività di ristoro. Per le utenze commerciali presenti in area PAP è previsto il servizio di raccolta PAP per le frazioni indifferenziato e cartone, mentre le altre frazioni dovranno essere conferite presso le piazzole.

Per le attività di ristoro è prevista la raccolta PAP delle frazioni di rifiuto con ritiro quotidiano e, ove giudicato necessario, con due passaggi quotidiani.

“Ovviamente AMA sta predisponendo una specifica campagna di comunicazione sul nuovo sistema, attraverso l’invio di una lettera a tutte le utenze, l’affissione di locandine presso i condomini e gli esercizi commerciali” aggiunge l’Assessore Anna Vincenzoni. “Abbiamo anche valutato positivamente la possibilità di utilizzare dei cittadini volontari – in affiancamento al personale AMA -per garantire la capillarità dell’informazione nel rione e, soprattutto nei primi mesi di sperimentazione, anche un maggiore controllo dei comportamenti scorretti, che saranno sanzionati dagli accertatori.”

Un “giardino barocco” a Via Giulia sopra il parcheggio interrato. Oggi in Municipio un incontro importante, con un gruppo di progettisti di altissima professionalità ed esperienza e le Sovrintendenze, che rappresenta un metodo di lavoro che ritengo fondamentale per governare Roma. La condivisione con tutti i soggetti interessati, fin dalla fase preliminare, sulle linee guida per la progettazione scaturite dal processo di partecipazione con i cittadini promosso dal Municipio, rappresenta una garanzia per la qualità dell’intervento che sarà realizzato.

vai al sito

Qualche mese fa in Commissione Politiche Sociali, si ragionava sulla proposta del Centro per Disabili adulti di via Vittor Pisani. Esperti di giardinaggio, i ragazzi del Centro La Tartaruga assieme agli operatori manifestavano la volontà di prendersi cura di un area verde, come quella della Metro Cipro, da tempo soggetta a degrado. Da metà aprile questo desiderio diventerà realtà, grazie al Protocollo di intesa tra l’Associazione che coordinerà gli interventi, la ASL Roma E e il Dipartimento Ambiente. Una bella notizia. Siamo certi che, oltre al valore sociale non sempre immediatamente compreso, i risultati visibili saranno apprezzati da tutti. Favoriremo fin da subito sinergie e “competizione” con altri attori del territorio, gruppi scout/giovani e Centro anziani in testa. Per tutti noi l impegno a proteggere il loro lavoro prezioso.

cipro2

Scuola Regina Margherita a Via Madonna dell’Orto, Trastevere. Inaugurazione della prima Ciclorimessa di Roma con annessa Ciclofficina. Un ottimo esempio di collaborazione tra Istituzioni – scuola e municipio – e spirito di iniziativa dei cittadini per realizzare un servizio utilissimo che va incontro alla nostra idea di mobilità’ sostenibile nel Centro Storico.di Roma.

vai al sito

 

bici3bici4

bici2