Commercio

3 marzo – Questa mattina al Mercato Trionfale, insieme ai nostri funzionari, per la consegna dei titoli ad alcuni dei 27 vincitori del Bando promosso dal Municipio per l’assegnazione delle postazioni vacanti, un modo per dare nuova linfa e nuove energie a questo importante polo commerciale. Spazio pubblico, filiera corta, recupero e riciclo degli alimenti, luoghi dove far crescere e nascere nuove idee e nuove attività commerciali frutto dell’incontro tra diverse realtà capaci di fare rete. Queste le grandi potenzialità per il rilancio dei nostri mercati rionali.

 

4 febbraio – Sono al fianco degli artigiani, che questa mattina hanno manifestato sotto l’Assessorato alle attività produttive in Via dei Cerchi, chiedendo di riaprire i mercatini all’aperto per tornare a lavorare in sicurezza.

Oggi il Vice Presidente Jacopo Emiliani Pescetelli ha portato il mio personale sostegno e quello del Municipio I ai manifestanti, operatori commerciali che da anni svolgono i mercatini domenicali nel nostro quartiere e in tutta la città e che oggi, malgrado abbiano da sempre rispettato le norme anticovid e nonostante in tutta Italia si sia tornato ad operare, solo a Roma non possono lavorare da mesi.
La situazione che stanno vivendo questi operatori è una vera e propria discriminazione rispetto agli altri impegnati nei mercati saltuari, soprattutto dopo il ritorno in zona gialla della Regione che ha visto molti comuni del Lazio permettere la riapertura di questi mercati. Pensando al nostro territorio quelli di Piazza Mazzini e Piazza dei Quiriti sono mercatini di piccole dimensioni che possono garantire da subito il rispetto della normativa anti Covid. Invito l’Assessore Coia a intervenire immediatamente perché la scadenza prevista dal divieto del Dipartimento fino a fine marzo rischia di essere fatale per molti artigiani e le loro famiglie”.

7 gennaio – La sentenza del Consiglio di Stato che vieta l’apertura di un nuovo McDonald’s in Piazza del Pantheon, dando ragione all’impianto delle contestazioni mosse dal Primo Municipio al tentativo di trasferimento di una licenza da bar gelateria di 34 mq a un locale di 440 mq,  è di fondamentale importanza. Non per un’avversione specifica verso i fast food ma perché, riconoscendo lo spirito del regolamento comunale finalizzato a salvaguardare le zone di pregio, offre una lettura che riconosce il valore delle norme regolamentari per la salvaguardia del decoro della città e apre nuove possibilità per una diversa fruizione del centro storico, che non sia esclusivamente quella legata alle attività della ristorazione e del turismo, come è stato fino ad oggi. #primomunicipio #noiandiamoavanti #roma

11 dicembre – Stiamo andando avanti con i lavori di riqualificazione nei nostri mercati, dando priorità agli interventi di messa a norma e in sicurezza degli impianti! Dopo piazza dell’Unità, oggi sono terminati i lavori nel mercato di via Baccina a Monti, proseguono a Esquilino e a Sabotino. Continua il nostro impegno per la salvaguardia e la rivitalizzazione dei Mercati Rionali, per la sostenibilità ambientale, per la scelta dei prodotti del territorio, a km zero, di stagione e di prossimità.

Utilizzando i fondi a disposizione sul Piano Investimenti per il triennio 2018/2020, circa 1,2 milioni di euro, il Municipio Roma I Centro ha avviato le procedure per l’adeguamento a norma e la messa in sicurezza di quattro mercati rionali presenti nel suo territorio. Via Baccina a Monti, il Mercato Esquilino, il Mercato Vittoria a Via Montesanto e il Mercato Prati in Piazza dell’Unità.

Dopo una gara di progettazione affidata a professionisti esterni, sono state espletate le procedure per l’affidamento degli appalti.

Le sedi dei mercati sono interessate da interventi riguardanti l’adeguamento alla normativa antincendio, mediante la realizzazione di compartimentazioni REI e di impianti di rilevazione dei fumi, l’adeguamento degli impianti elettrici e idrici, la messa in sicurezza degli accessi con interventi di abbattimento delle barriere architettoniche laddove necessari, l’adeguamento dei servizi igienici.

Più che ipotizzare commissariamenti, la Sindaca in questi anni avrebbe dovuto svolgere il suo ruolo consegnando, alle cittadine e ai cittadini, un visione di città. Cosa mai accaduta. Rispetto al tema delle bancarelle il nostro territorio è saturo e si sarebbero dovute trovare nuove collocazioni in altre aree della città. Malgrado queste mancanze le alternative le abbiamo trovate e dove non l’abbiamo fatto è perché mancano ancora i pareri del Campidoglio. Se davvero si vuole risolvere il problema nei prossimi giorni avremo modo di farlo insieme. #primomunicipio #roma #commercio

14 ottobre – La ripartenza della città e del suo centro storico in via di spopolamento passa anche dall’elaborare questa crisi travolgente, rendendo la nostra città più eco-sostenibile, più Slow, più vicina ai bisogni dei suoi abitanti e delle persone che scelgono di visitarla ogni anno. Oggi con Andrea Amoruso Manzari  e gli operatori del settore abbiamo parlato del comparto del lusso, che attira ogni anno a Roma migliaia di persone, con le esperienze, le fiere, le attività e le aziende che sono ormai brand universali. Ogni settore può dare il suo vitale contributo a far ripartire la nostra città. #primomunicipio  #noiandiamoavanti #romafutura

La ripartenza della città e del suo centro storico, spopolato, passa anche dall'elaborare questa crisi travolgente, rendendo la nostra città più eco-sostenibile, più Slow, più vicina ai bisogni dei suoi abitanti e delle persone che scelgono di visitarla ogni anno. Oggi con Andrea Amoruso Manzari e gli operatori del settore abbiamo parlato del comparto del lusso, che attira ogni anno a Roma migliaia di persone, con le esperienze, le fiere, le attività e le aziende che sono ormai brand universali. Ogni settore può dare il suo vitale contributo a far ripartire la nostra città. #primomunicipio #solocosebelle #noiandiamoavanti #romafutura

Gepostet von Sabrina Alfonsi am Montag, 12. Oktober 2020

 

8 luglio – Oggi ho partecipato, insieme all’assessore Emiliano Monteverde e all’assessora Anna Vincenzoni, all’iniziativa promossa da alcuni banchi del mercato di Testaccio e da Slow Food RomaRipartiamo dalla Terra, ripartiamo dai Mercati. Ho potuto apprezzare il cacciucco, piatto principale della cucina livornese, preparato dalla chef Luigi di Alle Vettovaglie e soprattutto la sua storia. La prossima settimana, un’eccellenza del nostro mercato, rappresentata dallo chef Marco Morello di FoodBox, ricambierà la visita esportando i suoi supplì nella città labronica. Un nuovo modo di intendere i nostri mercati rionali che devono puntare sempre più sulle eccellenze, promuovendo cultura e socialità. In questo caso uno scambio di saperi e sapori che sono sicura arricchirà entrambi i territori.#primomunicipio #solocosebuone #solocosebelle

 

26 maggio, flash mob in Piazza del Campidoglio. Insieme al PD ROMA – Partito Democratico di Roma al Pd Campidoglio al Partito Democratico del Lazio al Gruppo consiliare PD Regione Lazio abbiamo rinnovato alla stampa le nostre preoccupazioni rispetto ai ritardi del Campidoglio per l’approvazione di un indirizzo chiaro in favore del rilancio del commercio nella nostra città.

Gepostet von Sabrina Alfonsi am Dienstag, 26. Mai 2020

8 maggio – Nel pomeriggio si è svolta la Conferenza stampa sulla proposta di Delibera del Partito Democratico di Roma per il distanziamento fisico delle occupazioni suolo pubblico e l’azzeramento della COSAP e per sostenere le attività commerciali chiamate a fronteggiare l’emergenza.

La proposta di deliberazione che come PD abbiamo presentato oggi in conferenza stampa è uno strumento idoneo a regolamentare la materia della maggiore occupazione di suolo pubblico per gli esercizi di somministrazione come strumento utile per aiutare gli operatori dl commercio a superare la fase critica attuale.
Un provvedimento snello, che avrà una durata limitata nel tempo – la scadenza prevista è al 31 dicembre 2020- e che prova a rispondere ai due grandi interrogativi di questi giorni, ovvero come riaprire le attività economiche nel rispetto delle regole previste per il distanziamento interpersonale, visto come fattore principale per la sicurezza e la prevenzione dal contagio, e poi come garantire un valido sostegno agli operatori commerciali consentendo, attraverso l’incremento degli spazi esterni, di recuperare in tutto o in parte la quota di tavoli persa all’interno dei locali per le esigenze di distanziamento.

Quindi una apertura concreta all’aumento delle OSP, con le percentuali diverse che sono state indicate per il Centro Storico (+35%) rispetto al resto della città (+50%). Un’apertura che, però, deve mantenere il carattere dell’eccezionalità e della temporaneità, perché non siamo d’accordo con chi vuole utilizzare l’emergenza come cavallo di troia per reintrodurre una deregulation che ci riporterebbe indietro di anni nella battaglia per il decoro del Centro Storico.

Un provvedimento che si muove nel solco di quanto già annunciato dal Ministro per i Beni Culturali, che prevede di intervenire per alleggerire il peso del sistema dei vincoli vigenti sul sito Unesco, attraverso la “sospensione” di alcuni vincoli come ad esempio quello relativo al rispetto del cono visivo e quello relativo alla distanza minima di un metro dai palazzi vincolati. Sono previste nella proposta di delibera anche altre deroghe, di competenza più strettamente comunale, come la possibilità di posizionare i tavoli con pedane sulle strisce blu in caso di mancanza di spazio sui marciapiedi, e quella di utilizzare per il posizionamento dei tavoli anche le immediate pertinenze del locale purchè non distanti più di 20 metri.

Inoltre, quale ulteriore contributo economico a favore degli operatori, nella proposta di delibera si prevede la sospensione del versamento dei canoni relativi a COSAP e TARI dal 12 marzo 2020 e fino al 31 dicembre 2021.

Per quanto riguarda le modalità di presentazione delle richieste, la proposta anche in questo caso si muove nel solco di quanto verrà a breve previsto dalla normativa nazionale per la semplificazione degli iter burocratici nella fase emergenziale. Sarebbe auspicabile uno strumento analogo alla SCIA, che consentirebbe agli operatori il riavvio in tempi davvero brevi per le loro attività.

Crediamo di aver fatto un buon lavoro, che cerca di aiutare gli operatori economici oggi in difficoltà senza introdurre stravolgimenti permanenti delle regole, e lo metteremo a disposizione della città portandolo lunedì prossimo in Assemblea Capitolina e in tutti i Municipi.

 

la proposta di delibera

 

La diretta Facebook della Conferenza stampa

CONFERENZA STAMPA PD ROMA

Roma oltre COVID 19: più spazio per lo sviluppo di una città più sicura per tutti e per difendere economia e lavoro.

Gepostet von PD ROMA – Partito Democratico di Roma am Freitag, 8. Mai 2020

 

L'immagine può contenere: 2 persone, tra cui Sabrina Alfonsi, testo