18 luglio, 2018
Cultura

Roma, 18 luglio –  “Nessuno nasce odiando i propri simili a causa della razza, della religione o della classe alla quale appartengono. Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare, possono anche imparare ad amare, perché l’amore, per il cuore umano, è più naturale dell’odio.”
Il 18 luglio 1918 nasceva Nelson Mandela e l’ONU, dal 2009, ha istituito il “Nelson Mandela International day”.
Quest’anno ricorrono i 100 anni dalla nascita del grande leader sudafricano. Quest’anno, ancora quest’anno, le sue battaglie per l’uguaglianza, l’antirazzismo, solidarietà e giustizia sociale, sono che che mai attuali. Con la risoluzione n.7 del 12 luglio scorso il Municipio I ha approvato, all’unanimità, l’adesione al Nelson Mandela day. Un piccolo gesto, ma di cui sono estremamente orgogliosa. #mandeladay #restiamoumani #stayhuman#primomunicipio #noiandiamoavanti

IN PIAZZA VITTORIO AL FIANCO DEI CITTADINI DI ESQUILINO PER RESPINGERE RAZZISMO E VIOLENZA”.

Roma, 11 luglio  –  “Il raid razzista di Forza Nuova di due notti fa in piazza Vittorio è uno sfregio al nostro Municipio e al rione di Esquilino che da più di 20 anni è conosciuto in tutta Italia come esperienza avanzata in tema di integrazione di cittadini stranieri per questo stasera sarò personalmente in Piazza Vittorio accompagnata dall’intera giunta del Municipio I al fianco dei cittadini del rione che hanno convocato una mobilitazione a partire dalle ore 19,30”.

Questa la dichiarazione della Presidente del Municipio I Sabrina Alfonsi in merito al raid razzista di due notti fa in Piazza Vittorio.

“È intollerabile – incalza l’Alfonsi – che 20 persone possano girare con caschi in testa o sotto braccio, intimando a indefiniti “stranieri” di tornare a casa loro. La casa di quei cittadini è in questa città, da molti anni, a differenza di questi “militanti” vero e proprio corpo estraneo a un territorio, ricco invece di associazioni culturali, di cittadini, religiose e di genitori delle nostre scuole, da sempre in prima fila, con il Municipio al fianco, nella costruzione di percorsi di integrazione e accoglienza”.

“Questo fenomeno – spiega ancora Alfonsi – è diretta conseguenze del clima politico costruito dal neo Ministro dell’Interno e Presidente del Consiglio de facto Matteo Salvini. Le dichiarazioni delle forze dell’ordine riportate dal quotidiano la Repubblica in cui dichiarano che stanno “costantemente vigilando” sull’escalation di odio e violenza che i gruppi di estrema destra che “sembrano aver perso la testa” hanno messo in campo dopo la nascita del nuovo governo, ne sono la conferma.

“Il tema delle migrazioni è un tema complesso – aggiunge la Presidente del Municipio I – che si può affrontare con semplici denunce e annunci o mettendo in campo, come fatto dal nostro Municipio, azioni concrete. In questa direzione va il progetto di nascita dei tre nuovi poli multiculturali che garantisce ludoteche, mediazione culturale, formazione nelle scuole, animazione del territorio, accompagnamento alla genitorialità per stranieri e italiani. Un progetto integrato e strutturato sulla multiculturalità. E non ci fermeremo qui. A settembre, dopo l’inizio delle scuole, il Municipio lancerà in collaborazione con le stesse, una grande giornata di mobilitazione dell’integrazione e dell’accoglienza e una campagna di incontri e approfondimento nei centri anziani”.

“Non mi stupisce – conclude Alfonsi – il totale silenzio della Sindaca Raggi ormai corrente di minoranza della Lega del Ministro Salvini, ma fortunatamente gli anticorpi della città al razzismo sono forti e questa sera la nostra voce e quella dei tanti cittadini che sono sicura parteciperanno, coprirà il silenzio assordante del Campidoglio”.

 

Roma, 7 luglio – Sabato 7 luglio indossiamo tutti una maglietta rossa per un’accoglienza capace di coniugare sicurezza e solidarietà. Una maglietta rossa per fermare “l’emorragia di umanità”. Il rosso è il colore di molti bambini annegati e che a volte il mare riversa sulle nostre coste.
“Muoiono molti bambini mentre l’Europa gioca allo scaricabarile con il problema dell’immigrazione…”.
I bambini sono patrimonio di tutta l’umanità.
È l’appello di don Luigi Ciotti e io lo faccio mio. Fallo anche tu.

6 luglio 2018 – Carlo Macro era un ragazzo romano, un giovane con la passione per la musica, che la notte del 17 febbraio del 2014 venne ucciso al Gianicolo da un clochard. Ero da pochi mesi Presidente del Municipio, e ricordo che quel fatto mi colpì’ moltissimo per la banalità delle motivazioni che avevano portato a quella tragedia ed anche per il senso di frustrazione che ho provato, dato che stavamo lavorando per rimuovere le roulotte sparse in giro per il Centro Storico nelle quali trovavano rifugio le persone che vivono in strada e quella parcheggiata al Gianicolo – dalla quale era uscito l’assassino di Carlo, disturbato dal volume della musica proveniente dalla macchina ferma di Carlo e del fratello, era una delle ultime rimaste ancora in strada.

Dopo qualche mese dalla morte di Carlo, a novembre, il Sindaco Marino volle piantare un albero – un mandorlo – a Piazza San Pietro in Vincoli, proprio di fronte alla casa dove Carlo viveva con il fratello Francesco e la madre Giuliana.Un momento di grande commozione.

In questi anni abbiamo cercato di essere vicini a Giuliana anche umanamente, non solo come istituzione. Sotto quell’albero abbiamo fatto installare una fontanella, per aiutare chi se ne prendeva cura ad innaffiarlo e farlo crescere. Da poche settimane poi, abbiamo aggiunto due panchine in pietra. Oggi infine, con un’altra piccola cerimonia, durante la quale ci ha accompagnati la musica suonata dalla Banda dei Vigili Urbani, abbiamo scoperto una targa per dedicare a Carlo questo piccolo salotto all’aperto, che siamo sicuri gli sarebbe piaciuto. Dove ci potrà fermare per dissetarsi, riposare un poco e magari anche riflettere.

 

Gepostet von Sabrina Alfonsi am Freitag, 6. Juli 2018

 

 

Sono veramente felice e orgogliosa, c’è voluto tanto tempo ma finalmente il I Municipio ha il suo Centro Giovani in piena forma! Grazie ragazzi. #primomunicipio #centrogiovani #penitenza35

5 COSE BELLE SUCCESSE ALL'INAUGURAZIONE DI PENITENZA35: – Il ragù della signora Mara, emiliana di nascita, trasteverina di cuore e d'adozione, vincitrice a furor di popolo dello SCARPETTA CONTEST e tutti i sughi dei ristoranti di Trastevere 🥖- Il torneo di biliardino, seppur sia costato diverse amicizie 🏆 ⚽- I fuochi d'artificio (che non avevamo organizzato noi ma sembravano fatti a posta!) 💥- La musica della One Man Band e di Pete Teb, che è venuto a farci ballare direttamente da Chicago 🕺💃- Quattro innamoramenti confermati e due presunti, nuovi amici, balli scatenati e un video-regalo inaspettatoAl Roma Municipio I Centro, Il Ventriloco – Trastevere, FilmhausBasta, Centro Giovani – Municipio Roma I Centro, Alberto Biondi, Nadya Elpida Amaranta, Pete Teb, In VINO Veritas, Osteria Scarci Ristorante Rigatoni Democratici Big Star Checco Er Carettiere Signora Mara Signor Emilio Benedetta Colantoni ma soprattutto a TUTTI VOI, grazie. ❤️

Gepostet von Zalib & i Ragazzi di Via della Gatta #SaveZalib am Sonntag, 24. Juni 2018

 

 ALFONSI: MOZIONE GUERRINI ATTACCO POLITICO ALLE DONNE.

21 Maggio – “E’vero che a Roma c’è un tema legato al Patrimonio disponibile, ma è anche altrettanto vero che in questo momento sembra esserci anche un tema di donne”. Lo ha detto Sabrina Alfonsi, la Presidente del Municipio Roma I Centro, presente questa mattina in senato alla Conferenza stampa sulla Casa delle Donne.

“Dico questo perché per nessuna altra situazione collegata ai contenziosi di tipo patrimoniale, per nessun altro spazio dato in concessione dal comune, si è praticata la strada scelta per la Casa Internazionale, quella di predisporre un documento specifico, una mozione, da votare poi in Assemblea Capitolina a maggioranza, senza alcun confronto né con le Associazioni delle Donne nè tantomeno con le forze politiche dell’opposizione.

Bisogna dirlo, perché altrimenti rischiamo di perdere il punto di vista. Il documento della Consigliera Guerrini non è ragionieristico, non parla della valorizzazione del patrimonio pubblico, ma è un attacco esplicito alla Casa, alle attività che vi si svolgono e ai contenuti. Per questo credo che noi oggi dobbiamo essere al presidio e all’incontro per riaffermare a testa alta il principio che,  oggi più di 10 anni fa, la città ha ancora più bisogno della presenza della Casa Interazionale, in un momento in cui la politica si sta dimenticando delle donne e sui temi della parità di genere stiamo facendo passi indietro anzichè progredire. Ringrazio tutte le amiche e compagne che in questi anni, grazie al loro impegno quotidiano, hanno contribuito a mantenere viva e a far crescere questa magnifica esperienza”.

 

rassegna stampa e alcune immagini del presidio tenutosi nel pomeriggio in Campidoglio durante l’incontro della delegazione della Casacon le Assessore e la Sindaca

repubblica 22 maggio

corriere della sera 22 maggio

messaggero 22 maggio

il manifesto 22 maggio

 

10 Maggio  –  “Una operazione culturale di grande spessore” così la Presidente del Primo Municipio Sabrina Alfonsi, presente all’inaugurazione di questa mattina, definisce l’apertura di Palazzo Merulana.

“Un recupero edilizio importante si trasforma in uno spazio nuovo per la cultura, grazie alla straordinaria collezione di opere d’arte messa a disposizione da Elena e Claudio Cerasi ed anche in virtù della loro idea che questo spazio viva anche grazie alla collaborazione e alla sinergia con la grande rete culturale e civica del territorio.

Insieme alla riqualificazione di Piazza Dante e al restauro dell’ex Zecca, Palazzo Merulana rappresenta un altro importantissimo contributo per il rilancio del Rione Esquilino e una buona notizia per tutta la città”.

10 maggio – Oggi pomeriggio alle 14.00 presso il monumento situato in Largo delle Vittime del Terrorismo alle Terme di Caracalla, si è svolta una breve cerimonia di commemorazione di tutti i caduti in azioni terroristiche con la deposizione di una corona, accompagnata dalla Banda dell’Arma dei Carabinieri.

Alla Cerimonia, promossa dal Primo Municipio in collaborazione con l’Associazione Fratelli Mattei e l’Associazione Domenico Ricci, hanno partecipato la Presidente Sabrina Alfonsi e l’Assessora all’Ambiente del Primo Municipio, Anna Vincenzoni, Giampaolo Mattei e Giovanni Ricci, esponenti dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Locale, i rappresentanti delle Associazioni dei familiari provenienti da ogni parte d’Italia ed alcuni dei ragazzi vincitori del concorso “Tracce di Memoria”, premiati questa mattina in Quirinale dal Presidente Mattarella e dalla Ministra Valeria Fedeli in occasione della Giornata per le Vittime del Terrorismo.

“Abbiamo voluto raccogliere l’appello di Giampaolo Mattei e Giovanni Ricci di fare in modo che questa piccola area verde, dedicata alle Vittime degli anni più bui di questo Paese, venisse sottratta al degrado per acquisire la dignità e il rispetto che merita per ciò che rappresenta. Per questo abbiamo chiesto ed ottenuto dal Dipartimento Patrimonio di prenderla in carico al Municipio per la manutenzione ordinaria.” ha detto la Presidente Sabrina Alfonsi durante il suo intervento.

“Dopo la firma di un protocollo nel marzo scorso abbiamo avviato – insieme alle Associazioni dei Familiari e con la collaborazione dell’ Associazione Architetto Simonetta Bastelli – un percorso che ha il suo centro in questo giardino, per farlo diventare un vero luogo della Memoria, che guarda non solo al passato ma soprattutto al futuro, alle giovani generazioni, che devono essere consapevoli di fatti tragici che hanno segnato profondamente la nostra storia recente”.

 

ALFONSI: ORGOGLIO PER EVENTO UNICO NEL SUO GENERE

(DIRE) Roma, 8 mag. – “Siamo felicissimi di essere riusciti anche quest’anno a proporre questa bella manifestazione, alla quale teniamo moltissimo e che rappresenta uno dei nostri motivi di orgoglio”. A dirlo e’ la presidente del Primo Municipio di Roma, Sabrina Alfonsi, commentando la IV edizione del Grande Concerto delle scuole del territorio, ospitato quest’anno per la prima volta all’Auditorium della Conciliazione. Più di 500 giovani musicisti delle orchestre e dei cori delle scuole medie a indirizzo musicale si sono alternati sul palco offrendo un estratto dei loro repertori musicali, per poi unirsi in un’unica grande orchestra per l’esibizione finale. A concludere l’appuntamento, le performance dei gruppi musicali e delle formazioni corali delle scuole superiori.
Vasto il repertorio in cui si sono cimentati i vari istituti, dalla musica classica a quella moderna: dalle ‘Danze ungheresi’ di Brahms, a ‘Fantasia’ di Gershwin, fino a ‘Caro Diario’ di Nicola Piovani o a ‘I Magnifici 7’ di Bernstein, passando per brani di Morricone, Fox, Djawadi, Hawkins e Rodrigo. Gran finale con il ‘Va’ pensiero’ di Giuseppe Verdi e ‘O fortuna’ dai Carmina Burana di Orff. Ma non e’ mancato il pop-rock con incursioni nella discografia di Beatles, Led Zeppelin, King Crimson e Lenny Kravitz.
“Si tratta di un grande sforzo organizzativo- ha aggiunto Alfonsi- anche in considerazione della scarsità di risorse a disposizione del Municipio per l’organizzazione di eventi culturali come questo, che sono comunque necessari se si vuole garantire a questi ragazzi l’emozione e la soddisfazione di esibirsi su un palco vero e davanti a una platea numerosa. Un grande evento, unico nel suo genere a Roma, che coinvolge centinaia di persone tra musicisti, genitori e insegnanti. La bontà del progetto è confermata dall’ampia partecipazione delle scuole: del resto la musica è un elemento che unisce, crea empatia, insegna ai ragazzi che suonano in un ensemble che i risultati migliori si ottengono soltanto quando le energie si uniscono e tutti vanno nella stessa direzione. E’ un grande insegnamento di vita, un percorso didattico e formativo che dovrebbe essere supportato in modo adeguato dalle istituzioni perché’ rappresenta uno potente stimolo per i nostri giovani a coltivare la partecipazione alla vita civile e sociale”.
Al concerto hanno partecipato i ragazzi delle terze medie degli istituti Parco della Vittoria, Regina Margherita, Visconti, Virgilio, via delle Carine, Claudio Abbado, Regina Elena, il coro della scuola Di Donato; il coro del Liceo Albertelli, le band dei licei Newton, Virgilio e Cavour.

 

SCUOLA. ROMA, MUNICIPIO I: GRANDE CONCERTO AD AUDITORIUM CONCILIAZIONE ALFONSI: ORGOGLIO PER EVENTO UNICO NEL SUO GENERE(DIRE) Roma, 8 mag. – "Siamo felicissimi di essere riusciti anche quest'anno a proporre questa bella manifestazione, alla quale teniamo moltissimo e che rappresenta uno dei nostri motivi di orgoglio". A dirlo e' la presidente del Primo Municipio di Roma, Sabrina Alfonsi, commentando la IV edizione del Grande Concerto delle scuole del territorio, ospitato quest'anno per la prima volta all'Auditorium della Conciliazione. Più di 500 giovani musicisti delle orchestre e dei cori delle scuole medie a indirizzo musicale si sono alternati sul palco offrendo un estratto dei loro repertori musicali, per poi unirsi in un'unica grande orchestra per l'esibizione finale. A concludere l'appuntamento, le performance dei gruppi musicali e delle formazioni corali delle scuole superiori.Vasto il repertorio in cui si sono cimentati i vari istituti, dalla musica classica a quella moderna: dalle 'Danze ungheresi' di Brahms, a 'Fantasia' di Gershwin, fino a 'Caro Diario' di Nicola Piovani o a 'I Magnifici 7' di Bernstein, passando per brani di Morricone, Fox, Djawadi, Hawkins e Rodrigo. Gran finale con il 'Va' pensiero' di Giuseppe Verdi e 'O fortuna' dai Carmina Burana di Orff. Ma non e' mancato il pop-rock con incursioni nella discografia di Beatles, Led Zeppelin, King Crimson e Lenny Kravitz."Si tratta di un grande sforzo organizzativo- ha aggiunto Alfonsi- anche in considerazione della scarsità di risorse a disposizione del Municipio per l'organizzazione di eventi culturali come questo, che sono comunque necessari se si vuole garantire a questi ragazzi l'emozione e la soddisfazione di esibirsi su un palco vero e davanti a una platea numerosa. Un grande evento, unico nel suo genere a Roma, che coinvolge centinaia di persone tra musicisti, genitori e insegnanti. La bontà del progetto è confermata dall'ampia partecipazione delle scuole: del resto la musica è un elemento che unisce, crea empatia, insegna ai ragazzi che suonano in un ensemble che i risultati migliori si ottengono soltanto quando le energie si uniscono e tutti vanno nella stessa direzione. E' un grande insegnamento di vita, un percorso didattico e formativo che dovrebbe essere supportato in modo adeguato dalle istituzioni perché' rappresenta uno potente stimolo per i nostri giovani a coltivare la partecipazione alla vita civile e sociale".Al concerto hanno partecipato i ragazzi delle terze medie degli istituti Parco della Vittoria, Regina Margherita, Visconti, Virgilio, via delle Carine, Claudio Abbado, Regina Elena, il coro della scuola Di Donato; il coro del Liceo Albertelli, le band dei licei Newton, Virgilio e Cavour.(Red/ Dire18:34 08-05-18 .

Gepostet von Sabrina Alfonsi am Mittwoch, 9. Mai 2018

I ragazzi e le ragazze delle nostre scuole, ora, all’Auditorium della Conciliazione! Bravissimi!

Gepostet von Sabrina Alfonsi am Dienstag, 8. Mai 2018

La Grande Orchestra delle Scuole nel “Va pensiero” di Giuseppe Verdi”. Da non credere che suonano insieme dopo averla provata una volta soltanto!.

La Grande Orchestra di tutte le scuole nel "Va Pensiero". E' da non credere che suonano insieme per la prima volta…

Gepostet von Sabrina Alfonsi am Dienstag, 8. Mai 2018

Va Pensiero, grande orchesta delle scuole del Primo Municipio

Grande successo del Concerto delle Scuole del Primo Municipio, giunto alla quarta edizione, quest'anno all'Auditorium Conciliazione. Oltre 700 musicisti di 12 scuole si sono alternati sul palco, l'impegno di ciascuno per un meraviglioso risultato comune. Ecco uno dei brani eseguiti dalla grande orchestra delle scuole (150 strumenti e oltre 100 coristi, di 7 diverse scuole)

Gepostet von Giovanni Figà-Talamanca am Dienstag, 8. Mai 2018

Roma, 4 maggio  –  Ci risiamo. Oggi il Comune di Roma ha provato a sgomberare l’Angelo Mai di Parco San Sebastiano, centro culturale e civico di grande importanza per il territorio e l’intera città. Dopo una trattativa durata ore, lo sgombero è stato rinviato in attesa delle determinazioni del TAR Lazio sulla richiesta di sospensiva avanzata dai gestori. L’ennesimo schiaffo di questa amministrazione, che sulla base di un malinteso concetto di legalità sta uccidendo una dopo l’altra le migliori eserienze culturali e sociali della città. In questi ultimi dodici mesi abbiamo atteso pazientemente l’arrivo di un regolamento per le concessioni dei beni del patrimonio disponibile per usi culturali e sociali che mettesse fine a una pratica odiosa che ha il solo risultato di spegnere la città e lasciare in abbandono il patrimonio di tutti. Questa città ha bisogno di essere governata: non si può lasciare nelle mani degli Uffici il destino di tante realtà che in questi anni hanno arricchito la città con il loro impegno civico.

 

Repubblica.it del 04.05.2018

Segui Sabrina sui Social

731FansLike
89Subscribers+1
377FollowersFollow
1,077FollowersFollow
10SubscribersSubscribe