In Evidenza
Featured posts

5 maggio – A 90 anni dall’anniversario della sua nascita, una targa in memoria del Professor Massimo Fagioli.

“Il 19 maggio il Municipio I Roma Centro apporrà, in via di Roma Libera, a Trastevere, una targa commemorativa per il prof Massimo Fagioli”.

A dichiararlo in una nota sono la Presidente del Municipio I Roma Centro, Sabrina Alfonsi e la Consigliera Daniela Spinaci, proponente dell’iniziativa e Presidente della Commissione Pari Opportunità.

“Sono contenta di questa iniziativa – spiega la Presidente Alfonsi – perché ho avuto la fortuna di conoscere personalmente il professor Fagioli a una festa dell’Unità a Caracalla e ho sempre molto apprezzato i suoi accurati interventi sul tema della violenza di genere e per le battaglie per il diritto alla cura dei disagi mentali. Per questo, insieme alla Giunta, ho deciso di dare seguito alla mozione del Consiglio che ha promosso l’iniziativa”.

“Sono molto soddisfatta – ha dichiarato la Consigliera Daniela Spinaci – per questo importante riconoscimento al prof. Fagioli da parte del I Municipio di Roma. Il lavoro parte da una mozione di cui sono proponente e che grazie al sostegno delle consigliere e consiglieri firmatari, al Consiglio municipale che ha votato favorevolmente l’atto e alla sinergia con la Giunta e la Presidente Alfonsi, ha portato al risultato finale. Lo psichiatra dell’analisi collettiva ha avuto non solo il merito di aprire il varco a un pensiero e una prassi del tutto nuovi in ambito medico, ma anche il grande coraggio di combattere per tutta la vita affinché la cura della malattia e dei disagi mentali fosse completamente gratuita”.

L’appuntamento per la cerimonia il 19 maggio, alle ore 16,00 in via di Roma Libera.

leggi l’articolo su Repubblica on line

4 mag. – Otto moduli da 20 mq ciascuno realizzati con struttura portante in legno di pino lamellare trattato, accoppiati tra loro in modo da formare una combinazione da 80 mq, una da 40 mq e 2 moduli singoli da 20 mq. Queste sono le nuove aule all’aperto della Scuola Giacomo Leopardi di Roma, inaugurate questa mattina dalla Presidente del Municipio Roma I Centro Sabrina Alfonsi insieme all’Assessore allea Scuola Giovanni Figa’ Talamanca e alla Dirigente dell’I.C. Parco della Vittoria, Prof.ssa Carla Costetti. “Dopo la grande tensostruttura da sei aule messa a disposizione della Scuola all’inizio dell’anno scolastico, continua il nostro lavoro per aumentare gli spazi per la didattica, in questo caso all’aperto, e mettere al sicuro per quanto possibile gli alunni della scuola rispetto al rischio diffusione del contagio da coronavirus” ha affermato la Presidente Alfonsi nel corso della visita alla scuola. “La Scuola Leopardi a Monte Mario e la Scuola Grilli al Gianicolo, vennero costruite dal Governatorato di Roma nei primi anni del ‘900 come scuole all’aperto, con padiglioni sparsi nel verde, per essere destinate a bambini con problemi respiratori e di malnutrizione. Oggi restituiamo un po’ della loro vocazione originaria, grazie a queste nuove aule che possono consentire lo svolgimento di lezioni di ogni genere e attivita’ laboratoriali e ludiche”. “Un doveroso ringraziamento all’impegno dei nostri Uffici Tecnici- commenta l’Assessore alle Politiche Scolastiche del Municipio I, Giovanni Figa’ Talamanca- che hanno saputo intercettare le risorse strutturali europee rese disponibili dal Ministero della Pubblica Istruzione proprio per l’implementazione degli spazi nelle scuole nel perdurare dell’emergenza sanitaria. Un intervento, questo, che abbiamo portato a compimento non senza qualche difficolta’, dovuta al fatto che ci troviamo all’interno di un’area vincolata. Un risultato di cui siamo estremamente soddisfatti, che offre nuove opportunita’ per i bambini della nostra scuola”. (Comunicato Stampa Agenzia Dire).

1 maggio – La Costituzione Italiana afferma il valore del lavoro come uno dei capisaldi della democrazia e della dignità delle persone. Dopo un anno così difficile, in cui quasi un milione di persone hanno perso il lavoro, ci ritroviamo tutti insieme a celebrare una ricorrenza importante, che mi auguro possa coincidere con la ripresa delle attività per le tante lavoratrici e i tanti lavoratori colpiti dalla pandemia.

Buon primo maggio a tutte e tutti.

#primomaggio #1maggio #lavoro #primomunicipio #roma

COGNOME DEI FIGLI E CONIUGI. PETIZIONE A SOSTEGNO DI UNA RIFORMA LEGISLATIVA IN MATERIA.

30 aprile – Attraverso la petizione promossa dalla Consigliera PD del Municipio I, Daniela Spinaci, chiediamo una immediata riforma del codice civile e del diritto di famiglia in materia del cognome dei figli e del cognome dei coniugi ex art. 143 bis del codice civile (“la moglie aggiunge il cognome del marito”) come richiesto dagli stessi Disegno di Legge  S. 170 e Proposta di Legge n.106, entrambe presentate nella attuale Legislatura.

Non è più tempo per il nostro Legislatore rimanere indifferente ed  immobile dinanzi alle attuali decisioni della Consulta che, nella richiamata sentenza 286 del 21 dicembre 2016,  ha richiesto espressamente alla Politica  “un indifferibile intervento legislativo, destinato a disciplinare organicamente la materia, secondo criteri finalmente consoni al principio di parità”. Una riforma che allineerebbe finalmente l’Italia agli ordinamenti giuridici della maggior parte dei Paesi membri della Comunità europea.

Il nome, una scelta condivisa dei genitori come dei coniugi.
Firmiamo questa petizione per chiedere che il Parlamento Italiano si allinei ai dettami della Corte Costituzionale sul cognome dei figli e su quello dei coniugi. Abbattiamo le disparità di genere!
Firmate a questo link:

ROMA: “ARTEINFIORE” NELLE BOUTIQUE DI VIA DEL BABUINO. DAL 21 APRILE.

Nella splendida cornice di Via del Babuino si è svolta dal 21 al 29 aprile, la 1°edizione di “Arte In Fiore”, manifestazione ideata dalla NAB Nuova Associazione Babuino  con il patrocinio del Municipio Roma I Centro.
L’arte dei flowers designer è arrivata così nel cuore della Capitale e in occasione del 21 Aprile, Natale di Roma i più illustri artisti del settore hanno colorato con le loro opere le boutique del Centro realizzando un’opera floreale seguendo un unico tema: Roma e la sua bellezza.
Con questo evento la Nuova associazione  del Babuino ha voluto celebrare la Città Eterna con un’esplosione di colori e fiori per supportare le categorie di commercianti e di artisti fioristi che in questo drammatico periodo hanno subito gravi problemi di operatività .
“Come Nuova associazione  Babuino – ha dichiarato la presidente Maria Letizia Rapetti – abbiamo pensato all’evento ‘ArteInFiore’ non solo per dare un sostegno e un’attenzione ai settori dei fioristi e delle boutique del Babuino, ma anche per regalare a tutti i cittadini un sorriso di speranza per i nostro futuro e per la nostra amata Roma che tutti vorremmo rivederla al più presto nel suo unico e ineguagliabile splendore ”.

“Al di là della bellezza che porta con sé – commenta la Presidente del Municipio Roma I Centro, Sabrina Alfonsi – la manifestazione promossa dalla Nuova Assocazione Babuino rappresenta un segnale positivo importante per gli operatori del Commercio nel Centro Storico, perché contribuisce a generare un nuovo clima di fiducia e di aspettativa per una piena ripresa delle attività quando, speriamo a breve, questi mesi così difficili saranno solo un ricordo le le nostre vie dello shopping torneranno a riempirsi di romani e turisti”.

Gli artisti hanno partecipato esponendo i propri lavori all’interno degli esercizi commerciali coinvolti e l’opera più votata è stata premiata il 29 Aprile nel corso della giornata di chiusura di Arte In Fiore.

Le boutique che hanno aderito alla manifestazione sono :

Aspesi, Pasquale Bruni,Roberto Coin,Creed, Hotel de Russie,Etro,Gente Donna ,Hausmann, Hogan, Kenzo,Marni, Moschino, Pinko, Piazza Sempione, Red Valentino,Vhernier,Tiffany.

 

Alcune immagini dell’evento

SOCIALE. MUNICIPIO I: CENTRO ACCOGLIENZA VIA SABOTINO NON CHIUDE.

27 aprile – “Condividiamo l’appello lanciato in queste ore da piu’ parti per evitare la chiusura dei Centri di accoglienza attivati a Roma per i senza dimora, e confermiamo che il Centro aperto dal Municipio I a Via Sabotino in collaborazione con Binario 95 e le Acli di Roma resta aperto”, lo dichiarano la Presidente Sabrina Alfonsi e l’Assessore alle Politiche Sociali del Municipio I, Emiliano Monteverde. “Un luogo- afferma Alfonsi- dove in questi mesi hanno trovato accoglienza donne e persone trans, soggetti ancora piu’ fragili all’interno di una categoria fragile come quella delle persone senza dimora, colpita in modo durissimo dall’emergenza covid. Una struttura che abbiamo attivato ricorrendo esclusivamente a risorse del nostro bilancio e a forme di partenariato, nella quale le persone trovano non soltanto un riparo e pasti caldi ma anche, e soprattutto, possibilita’ di riscatto attraverso percorsi individuali di sostegno, in grado di offrire loro delle prospettive concrete di recuperare una vita dignitosa. Anzi, nella convinzione che il supporto a chi ne ha bisogno debba essere strutturale e non occasionale, oppure limitato all’emergenza freddo, stiamo lavorando per ampliare ulteriormente la capacita’ di accoglienza della struttura, potenziando quindi la nostra capacita’ di risposta ad una richiesta di aiuto che sale che sale prepotente dalle fasce piu’ deboli della nostra societa’ “. (Comunicato Agenzia Stampa Dire).

Sabrina Alfonsi: “Decine le iniziative per celebrare la Liberazione nel primo municipio”.

25 aprile – La festa di Liberazione è sempre giovane e le tante iniziative sul nostro territorio stanno a dimostrarlo, anche se le norme anti Covid hanno limitato un grande appuntamento come quello della storica manifestazione cittadina. Insieme agli assessori della giunta municipale, abbiamo cercato di garantire la nostra presenza e testimonianza al maggior numero possibile di esse.

Per iniziare, la mattina del 24 abbiamo portato un fiore alla targa dedicata ai partigiani in Via Andrea Doria e a seguire in Via Urbana abbiamo reso omaggio, insieme all’Acli, alla memoria di  Don Pappagallo.

La Giornata della Liberazione è iniziata presto, con un saluto alla partenza della gara internazionale di ciclismo GP della Liberazione a Caracalla, mentre alle 10.00 eravamo a piazza Walter Rossi con l’associazione dei compagni di Walter e l’Anpi, per festeggiare la liberazione e chiedere un restauro sollecito della statua dedicata a Walter.

Poi tutta la squadra degli assessori si è ricongiunta per essere presente in delegazione al presidio dell’ANPI a Porta San Paolo alle ore 10,30.

Alle 11.00 un saluto on line e una breve partecipazione all’iniziativa promossa dalla Rete inquilini Ater San Saba, e poi alle 12.00 con Emiliano Monteverde e Anna Vincenzoni siamo stati in via Bixio pedonalizzata per festeggiare il 25 aprile con le iniziative dell’Associazione Genitori Di Donato.

Alle 15.00 un passaggio al presidio di Articolo 1 in Piazza Cairoli, e poi alle 16.00 al flash mob, convocato dal Municipio insieme ad ANPI e circolo Gianni Bosio, davanti agli storici locali di Via dei Giubbonari chiusi da tempo, per chiedere che vengano trasferiti al Municipio per trasformarli nel Centro studi resistenza e memoria storica “Guido Rattoppatore”. Qui abbiamo scoperto che nel corso delle ore precedenti il Campidoglio aveva voluto anticipare la nostra iniziativa facendo apporre una targa accanto alla porta, che indica quei locali come la sede di un infopoint sulla resistenza affidato ad un fantomatico Comitato di cui però nessuno degli Organismi titolati sembra far parte. Cercheremo di capire meglio nei prossimi giorni, ma quello che è sconcerta è l’atteggiamento del Campidoglio, che non si è degnato, in una occasione così importante, di inviare nessun rappresentante per annunciare l’iniziativa.

Alle 17.00 abbiamo deposto una corona di fiori presso il monumento ai partigiani in Santa Maria in Trastevere e poi, alle 17.30, nel Giardino di Vicolo del Cedro a Trastevere, nell’ambito del progetto Io e l’Altro ideato da Simona Sarti abbiamo inaugurato una panchina d’artista dedicata a Clemente Scifoni, partigiano gappista, che ci ha lasciato di recente. Ad accompagnare la piccola cerimonia, in presenza dei familiari di Clemente, le musiche di Marco Quaranta e le letture della Compagnia teatrale Voci nel Deserto.

Alle 19.00 abbiamo concluso questa lunga e meravigliosa giornata in Piazza Risorgimento, dove nel giardino di fronte al Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri, abbiamo scoperto una targa marmorea in ricordo delle donne che combatterono per la Resistenza, mogli, madri, sorelle dei carabinieri deportati dai nazisti nel 1945”.

 

VIDEO INTERVENTO FLASH MOB VIA DEI GIUBBONARI

VIDEO OMAGGIO ALLA MEMORIA DI CLEMENTE SCIFONI, GIARDINO DEL CEDRO

 

Di seguito alcune immagini delle varie iniziative:

 

  

FIRMATO IL PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE PER IL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DELLE SCALINATE

24 aprile – Sabato 24 aprile, a partire dalle ore 10.30, Retake solidale a Colle Oppio organizzato dal Gruppo RetakeRoma Monti Colle Oppio.

“ Sarà la nostra festa di liberazione dall’indifferenza, dalla diffidenza verso gli altri, dall’egoismo” aveva scritto su FB il responsabile del Gruppo Retake Monti – Colle Oppio Raffaele Malizia.
“La cura del Colle Oppio e delle strade del quartiere è il modo che abbiamo scelto per rendere concreto l’impegno contenuto nel progetto “Per una Comunità solidale”, insieme con le associazioni che lo sostengono e al Municipio I Roma Centro, nell’ambito del Patto di Comunità.
Ogni mercoledì, dallo scorso gennaio, i nostri volontari sono impegnati nella pulizia del Parco, affiancati dalle persone assistite dalla Caritas e dalla parrocchia locale. Quello di oggi è un intervento intermedio, di carattere straordinario e molto partecipato, nel corso del quale, presso il nuovo Playground, la Società Sportiva Romulea ha consegnato al Gruppo Retake Monti Colle Oppio il ricavato da una raccolta fondi per finanziare il progetto”.

Alle  ore 10.00, subito prima dell’inizio del Retake, la Presidente del Municipio I Sabrina Alfonsi e la Presidente di Retake Roma, Francesca Elisa Leonelli, avevano siglato il protocollo d’intesa relativo all’attuazione di un progetto comune per il risanamento del reticolo di scalinate che dal Colosseo e da  Via Labicana salgono verso Colle Oppio, luoghi in stato di avanzato degrado che  i cittadini residenti percepiscono come altamente insicuri.
“Un protocollo che prevede una serie di interventi per la pulizia e la manutenzione delle scalee, reso possibile grazie alla forza e alla capacità organizzativa di Retake, che metterà a disposizione i suoi volontari e anche la piattaforma di fund raising per la raccolta delle risorse a sostegno dell’iniziativa” ha commentato Emiliano Monteverde, Assessore alle Politiche Sociali del Municipio Roma I Centro. “Il Municipio, oltre a svolgere una funzione di facilitatore nei confronti delle autorità e enti competenti al rilascio di eventuali specifiche autorizzazioni, provvederà a bonificare dai rifiuti e dalle siringhe le aiuole e le piccole aree verdi in prossimità delle scalinate, attivandosi con ACEA per il ripristino dei lampioni danneggiati e la manutenzione costante dell’illuminazione. Inoltre, si interfaccerà con le forze dell’ordine per garantire una adeguata vigilanza durante le varie fasi del progetto e, a regime, dopo la sua conclusione” ha spiegato Anna Vincenzoni, Assessora municipale all’Ambiente.
“Abbiamo volentieri aderito a questo patto di collaborazione con Retake Roma – ha concluso la Presidente del Municipio I Sabrina Alfonsi – perché condividiamo in maniera sostanziale la cultura della collaborazione tra i vari attori – sociali ed istituzionali – per il miglioramento della qualità dell’ambiente urbano, nonché per la tutela e la valorizzazione dei beni comuni attraverso il coinvolgimento diretto dei cittadini e il lavoro in rete. Un tema, quest’ultimo,  al quale siamo molto sensibili e che stiamo sperimentando nel territorio grazie a numerosi progetti di cura condivisa delle aree verdi, con il Municipio che provvede alla manutenzione e le Associazioni dei cittadini che si occupano delle azioni di miglioramento e soprattutto, delle iniziative necessarie per animare i luoghi, unica ricetta vincente per contrastare il degrado e l’abbandono”.

(Comunicato stampa Agenzia Dire)

 

 

Colle Oppio: Retake impegnata nella bonifica