Sociale

4 febbraio -Oggi ho partecipato al Convegno delle Acli alla Fondazione Enpam alla vigilia della nona Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare. Quest`anno, grazie alla food policy che abbiamo iniziato a metter in campo, Roma avrà uno strumento in più per poterlo contrastare, grazie ad un provvedimento che individua le agevolazioni sulla Tari per ridurre lo spreco alimentare nella ristorazione e nella distribuzione e le modalità di certificazione del cibo raccolto.

🔹 Da un punto di vista economico stiamo parlando di uno spreco di 10 miliardi di euro e di questi 6 sono a carico del consumatore finale. Un fenomeno, quello dello spreco alimentare, che ha delle conseguenze negative, a cascata, su economia e ambiente.
🔹 Si stima che il 17 per cento di quanto viene coltivato nel mondo venga buttato e che tra l’8 e il 10 per cento la percentuali delle emissioni di gas serra su scala globale siano dovute proprio al cibo che non viene consumato.
🔹 Nel nostro Paese abbiamo a disposizione già da qualche anno uno strumento importante, la legge 166/2016 (Legge Gadda) che prevede dei meccanismi che favoriscono la riduzione dello spreco alimentare attraverso incentivi. Ed é da li’ che siamo partiti per prevedere lo sconto Tari per ristoratori e distributori.
🔹 A questo primo passo vanno affiancate attività formative e di sensibilizzazione nelle nostre scuole sui temi della lotta allo spreco, della sostenibilità ambientale e del consumo responsabile, una mappatura delle strutture che che in tutta la città contribuiscono al recupero delle eccedenze in favore delle persone in difficoltà, e la creazione di veri e propri hub con mense attrezzate, dove volontari formati per il recupero degli sprechi, possano preparare pasti da asporto.
🔹 Queste azioni costituiscono i cardini del piano strategico del cibo che stiamo scrivendo e che inizierà il suo percorso il prossimo 23 febbraio con la convocazione, alla presenza del sindaco Gualtieri, della prima seduta del Consiglio del cibo di Roma. Recuperare il cibo non solo ha un valore economico ma, forse più importante, ci regala il valore della relazione tra chi dona e chi riceve.

20 luglio – Per i 40 anni del volontariato della #protezionecivile, con Marta Leonori e Maurizio Veloccia all’incontro organizzato da Prociv Italia Lazio .

Le Associazioni che compongono il Coordinamento Lazio formano un ventaglio di professionalità e specialità costruite negli anni su esperienze emergenziali locali, nazionali e internazionali.

Sotto la pioggia ma anche sotto l’arcobaleno, come sempre! #roma

 

6 luglio – Abbiamo aderito al Presidio promosso in Piazza del Campidoglio dal Comitato Genitori Dopo di Noi per denunciare l’immobilismo dell’Amministrazione Raggi, che ha completamente dimenticato queste famiglie.

Da mesi queste persone sono in attesa che Roma Capitale eroghi i fondi previsti dalla Legge 112/2016 sul Dopo di Noi, finalizzati all’attuazione dei progetti per l’autonomia dei soggetti in carico ai servizi sociali municipali. Risorse che sono state già quantificate dal Dipartimento Servizi Sociali con un provvedimento del marzo scorso, Da allora più nulla, nonostante la Sindaca e l’Assessora Mammì siano state a più riprese sollecitate dal Comitato a sbloccare questi fondi, incagliati perché non sarebbe stata effettuata l’operazione contabile per il loro inserimento nel Bilancio capitolino. E’ necessario fare presto, il peso dell’assistenza non può essere scaricato sulle famiglie e sugli organismi che assicurano i servizi. Queste persone meritano una risposta.

 

1 luglio – Finalmente torna la normalità. Oggi a Trastevere con Emiliano Monteverde per la riapertura del Centro Sociale Anziani, che insieme a quello di Monti speriamo faccia da traino anche per la riapertura a breve di tutti gli altri. Una iniziativa resa possibile dal protocollo siglato con Asilo Savoia ASP nell’ambito del Patto di Comunità. Giovani neo maggiorenni provenienti dalle Case Famiglia saranno a disposizione per svolgere tutte le procedure di sicurezza previste dalle norme anti-covid. I Centri sono il punto di riferimento e il motore della socialità dei nostri anziani, dopo 16 mesi di chiusura è il momento di fare il possibile per aiutarli a ripartire.

MOSTRA FOTOGRAFICA NELL’AREA CANI DEL PARCO DI VIA CARLO FELICE

27 giugno – Tante persone e tanto entusiasmo alla prima mostra fotografica “I nostri cani felici” organizzata dall’ “Associazione cani felici” e dal suo Presidente Domenico Manente. Insieme a Maurizio Veloccia ho consegnato gli attestati agli oltre 90 partecipanti e ai loro amici a 4 zampe!

Grazie ai ragazzi di Matemù per aver partecipato all’iniziativa con la loro musica.

#primomunicipio #roma #pattodicomunità

14 giugno –  Questa mattina in Via di San Crisogono a Trastevere, nell’ex scuola femminile Mazzini fondata nel 1873 da Sarina Nathan, con l’Assessore Emiliano Monteverde e Massimiliano Monanni abbiamo firmato un protocollo con ASP Asilo Savoia per l’implementazione e sviluppo sull’ambito territoriale del Municipio di un programma di attività di comune interesse rispetto all’inclusione sociale. In particolare saranno programmati servizi e interventi in favore di #minori, persone con disabilità grave, in favore dell’invecchiamento attivo e per l’attuazione della legge su #dopodinoi.

Il luogo scelto per la firma non è casuale visto che dalla prossima settimana sarà oggetto dell’inizio dei lavori di recupero che permetteranno di creare le condizioni ideali per attuare concretamente il protocollo firmato. #primomunicipio #roma #nessunoescluso

11 maggio – Finalmente insieme, dopo tanti mesi!!   A Via Sabotino, all’aperto e in sicurezza, insieme ai Presidenti dei nostri 12 Centri Anziani, all’Assessore Emiliano Monteverde e alla Presidente della Commissione Politiche Sociali del Consiglio Municipale, Claudia Santoloce, ci siamo incontrati per cominciare a progettare la ripartenza dei nostri Centri Anziani. Sperimenteremo modalità e attività nuove, perché questo ci ha insegnato la pandemia: ad essere flessibili e a trarre il meglio da quello che abbiamo. Siamo comunità, lo abbiamo detto e lo abbiamo dimostrato, durante questo lungo anno. Ringrazio i Centri Anziani di Testaccio ed Esquilino che hanno potuto accogliere durante questo inverno persone senza dimora, ora inserite in percorsi di inclusione. Grazie a tutte e tutti per la tenacia, la resilienza e la voglia di ricominciare! Tra poche settimane ripartiamo, tutti insieme. #roma #primomunicipio

SOCIALE. MUNICIPIO I: CENTRO ACCOGLIENZA VIA SABOTINO NON CHIUDE.

27 aprile – “Condividiamo l’appello lanciato in queste ore da piu’ parti per evitare la chiusura dei Centri di accoglienza attivati a Roma per i senza dimora, e confermiamo che il Centro aperto dal Municipio I a Via Sabotino in collaborazione con Binario 95 e le Acli di Roma resta aperto”, lo dichiarano la Presidente Sabrina Alfonsi e l’Assessore alle Politiche Sociali del Municipio I, Emiliano Monteverde. “Un luogo- afferma Alfonsi- dove in questi mesi hanno trovato accoglienza donne e persone trans, soggetti ancora piu’ fragili all’interno di una categoria fragile come quella delle persone senza dimora, colpita in modo durissimo dall’emergenza covid. Una struttura che abbiamo attivato ricorrendo esclusivamente a risorse del nostro bilancio e a forme di partenariato, nella quale le persone trovano non soltanto un riparo e pasti caldi ma anche, e soprattutto, possibilita’ di riscatto attraverso percorsi individuali di sostegno, in grado di offrire loro delle prospettive concrete di recuperare una vita dignitosa. Anzi, nella convinzione che il supporto a chi ne ha bisogno debba essere strutturale e non occasionale, oppure limitato all’emergenza freddo, stiamo lavorando per ampliare ulteriormente la capacita’ di accoglienza della struttura, potenziando quindi la nostra capacita’ di risposta ad una richiesta di aiuto che sale che sale prepotente dalle fasce piu’ deboli della nostra societa’ “. (Comunicato Agenzia Stampa Dire).